Home

Cura e assistenza al paziente. Tutela e sostegno alla famiglia.

Cosa facciamo

Le Cure Palliative

Cure Palliative, due parole che esprimono in sintesi ma compiutamente il senso della loro azione.

Avere cura

Cure, dal verbo curare inteso non nel senso di “guarire” – perché la malattia ormai non lo permette più – ma di “avere cura”, cioè di assistere con attenzione il paziente in tutte le problematiche – fisiche e psicologiche – che insorgono per lui e per la sua famiglia nella fase finale della malattia.
Palliative, da pallium, l’indumento che i Romani portavano sopra la tunica per coprirsi e proteggersi.
Nella nostra lingua il termine “palliativo” è spesso usato come sinonimo di inutile o anche di “effetto placebo”, invece vuol dire solo che non agisce sulla causa della malattia.

Protezione dei pazienti

Le cure palliative sono rivolte alla protezione attiva e totale dei pazienti la cui malattia di base, caratterizzata da un’inarrestabile evoluzione e da una prognosi infausta, non risponde più a trattamenti specifici.
A questo punto il controllo del dolore e dei sintomi della malattia e l’attenzione agli aspetti psicologici, sociali e spirituali sono fondamentali e ugualmente importanti per salvaguardare la dignità del paziente e migliorare la qualità di vita sua e della sua famiglia fino alla fine.

Medicina palliativa

La nascita della moderna medicina palliativa, intesa come attività consapevole e mirata al portare sollievo ai malati senza speranza di guarigione, è dovuta all’inglese Cicely Saunders, che prima di diventare medico era stata assistente sociale e infermiera. Dopo aver trascorso molti anni accudendo malati in fase terminale, la Saunders decise di fondare un’istituzione proprio per garantire un trattamento dignitoso a tutti i pazienti su cui gravava una prognosi infausta. Nacque così nel 1967 il St. Christopher, un ospedale il cui scopo principale, non potendo più avere come obiettivo la guarigione, era di dare qualità all’ultima parte della vita dei pazienti, fornendo cure studiate proprio per limitarne la sofferenza e attenuare i sintomi più invalidanti.
Il modello trovò presto accoglienza e si diffuse in tutto il mondo, grazie a istituzioni pubbliche e private, contribuendo a sviluppare una specifica disciplina medica.

Assistenza Residenziale

L’Hospice residenziale è il luogo di ricovero dove, insieme agli interventi sanitari ed assistenziali, vengono erogate ininterrottamente cure in grado di garantire la presa in carico globale del paziente e della sua famiglia. Infatti, oltre all’obiettivo primario del controllo del dolore e degli altri sintomi, fisici, psicologici e spirituali del malato, l’équipe multidisciplinare ha quello di tutelare e sostenere le famiglie accompagnandole e guidandole nel percorso della malattia del proprio caro.

L’Hospice fornisce supporto e assistenza a chi si trova in fase di malattia avanzata, per consentirgli comunque di vivere in pienezza e dignità e nel modo più confortevole possibile.
Da un punto di vista organizzativo è una struttura di accoglienza che ha in parte le caratteristiche della casa, in parte quelle di una struttura sanitaria.


Le cure palliative
Hospice Residenziale
Hospice Domiciliare