Home

Cura e assistenza al paziente. Tutela e sostegno alla famiglia.

Attività ed eventi

“OLTRE IL FINE VITA. La dignità del morire”

Convegno Diocesano alla Pontificia Università Lateranense

Venerdì 10 febbraio, alla vigilia della XXV Giornata Mondiale del Malato, nell’Aula Paolo VI della Pontificia Università Lateranense si è tenuto il Convegno “OLTRE IL FINE VITA. La dignità del morire”.

Argomento quanto mai attuale perché, come ha evidenziato nel discorso di apertura il Rettore S.E. Mons. Enrico Dal Covolo, siamo in un momento quasi tragico in cui il rispetto della vita è quotidianamente smentito.

Nella I Sessione i partecipanti hanno sviluppato il tema della morte dal punto di vista di una “sana” prospettiva teologica, culturale, etica.

Particolarmente significativo l’intervento di Mons. Lorenzo Leuzzi – Vescovo Delegato per la Pastorale della Salute – che, partendo dal concetto della “cultura dello scarto” di Papa Francesco, ha sottolineato la necessità di promuovere una seria progettualità sociale che non escluda nessuno perché garantire la dignità del nascere e del morire non è una questione puramente etica ma è un progetto sociale che rappresenta la vera sfida del cambiamento d’epoca.

Quello della dignità della vita e dell’Hospice come garanzia e difesa è stato il tema della II Sessione che, introdotta dal dott. Italo Penco, presidente della Società Italiana di Cure Palliative, si è sviluppata intorno all’intervento della dott.ssa Santa Cogliandolo, Medico del nostro Hospice Villa Speranza, che ha preso in esame gli aspetti clinici della fase evolutiva della malattia terminale, mettendo in evidenza la complessità assistenziale del paziente di Cure Palliative.

A conclusione del Convegno l’ammonimento di Mons. Andrea Manto, Direttore del Centro per la Pastorale della Salute, a ricordare che non sempre si può guarire ma la medicina trova la sua ragione d’essere nella capacità di prendersi cura, di farsi carico dell’esistenza dell’altro, nel non lasciare le persone sole e abbandonate di fronte all’esperienza del morire e nel garantire loro cure umane e dignitose.