Home

Cura e assistenza al paziente. Tutela e sostegno alla famiglia.

Attività ed eventi

UN INCONTRO MOLTO COINVOLGENTE

Al Corso di Formazione per Volontari a Villa Speranza

“Io sono la nave, la barca siete voi”… con il disegno di un paziente si è aperto ieri l’incontro del Corso di Formazione per Volontari a Villa Speranza sul tema “La relazione”.

relazioneBarche e vele – ha commentato la psicoterapeuta del nostro Hospice Alessandra Genualdo – sono la metafora di un viaggio fatto nel silenzio in cui timonieri e passeggeri si conoscono con gli occhi, con le mani, con il cuore prima che con le parole ma che con le parole prendono le decisioni e scelgono dove andare. La scelta del viaggio, la paura di affrontare le onde, la meta, la stanchezza sono tutti elementi del percorso che vede passeggeri e timonieri collegati ma in ruoli differenti. La relazione di aiuto è l’incontro tra due persone, una sofferente e confusa che deve gestire un problema e l’altra che ha le competenze e le abilità per farlo. L’efficacia clinica non si esprime solo con il “saper fare” ma anche nel “saper essere” nella relazione e il dono terapeutico più grande è quando la presenza fisica diventa presenza emotiva.comunicazione

Nella seconda parte dell’incontro, una delle psicologhe dell’assistenza domiciliare di Villa Speranza, Teresa Virelli, ha parlato della comunicazione non verbale, a cominciare dal significato etimologico della parola comunicare che deriva da communio, cioè mettere in comune.
Un incontro molto coinvolgente per il pubblico che ha seguito con grande attenzione e rivolto molte domande alle due relatrici.

volontari